Il diavolo torna a vestire Prada

il-diavolo-veste-prada-

La scrittrice Lauren Weisberger sta lavorando al seguito del celebre romanzo “Il diavolo veste Prada”: la giovane Andy troverà nuovamente sulla sua strada la dispotica Miranda.

Sono passati otto anni da quando l’aspirante giornalista Andy ha deciso di tagliare i ponti con la dispotica direttrice di Runway, Miranda, stanca delle continue vessazioni e di una vita che sembrava non appartenerle più. Otto anni dal bestseller di Lauren Weisberger, “Il diavolo veste Prada” (Simon&Schuster, 2003), che ha spopolato per il suo stile frizzante e per il gusto di una storia che, seppur romanzata, si diceva carica di rimandi alla realtà. Sembra, infatti, che l’autrice, dopo un’esperienza lavorativa per l’autorevole rivista Vogue America, abbia voluto trasporre su carta il suo vissuto nel “dietro le quinte” di un mondo affascinante, ma spesso bizzarro, quale sa essere il sistema moda.

(more…)

L’eleganza va portata con disinvoltura

American-Gigolo_Richard-Gere_jpg

 

Vi sono, nel cinema e nella moda, alcuni incrollabili punti di riferimento: i film oggi inclusi fra i cosiddetti cult, da un lato; le collezioni e i designer che hanno fatto storia, dall’altro.

Vi sono poi dei casi, particolarmente fortunati, in cui pellicole capaci di segnare un’epoca finiscono per consacrare al successo anche quell’abito o quell’accessorio indossato dal protagonista.

Uno di questi felici connubi avviene negli anni ’80: il film è American Gigolo di Paul Schrader, con protagonista Richard Gere. La firma sugli abiti è quella di Giorgio Armani. E’ in questa pagina di storia della moda che Re Giorgio sviluppa uno stile destinato a non conoscere tramonto e a tornare trent’anni dopo, con assoluta credibilità, sulle passerelle della primavera/estate 2013.

Ma ricreiamo per un attimo il mood degli ‘80. L’autoradio della decappottabile suona “Call me” di Blondie, al volante c’è lui, Julian, un Richard Gere appena trentenne, spregiudicato, impeccabile. Siamo solo ai primi fotogrammi, ma American Gigolo si rivela già come il trionfo dell’estetica, della cura di sé, del piacere di ammirarsi e compiacersi.

E’ rivoluzione di costume, culto del bello, eleganza esibita e ricercata. Belle macchine, bella gente, fisici palestrati, locali esclusivi. E poi: assoluta celebrazione della moda, quella del vestiario firmato Armani, creato sul protagonista. (more…)

Dolce&Gabbana presentano a Taormina la nuova linea Couture

dolce e gabbana coutureQuesta volta Domenico Dolce e Stefano Gabbana vogliono invertire il solito schema. La notizia è quella della presentazione della nuova linea Couture, che avverrà il 9 luglio nella splendida location di Taormina, ma non attraverso una classica sfilata. Il duo di stilisti ha pensato, questa volta, a un evento davvero esclusivo: la collezione, infatti, sarà presentata solo al cospetto di un ristretta selezione di clienti fissi. La stampa sembra che verrà del tutto esclusa dall’evento o che, al massimo, saranno invitati a partecipare un limitatissimo numero di importanti giornalisti. Un evento siciliano di élite, insomma, in uno scenario caratterizzato da grande glamour, per entrare nel difficile e severo mondo dell’alta moda. Dopo la recente chiusura della linea D&G, si vociferava che ci fosse qualcosa nell’aria ed erano state annunciate delle importanti novità in arrivo nel mese di settembre. L’evento di Taormina si colloca quindi in una fase di grande fermento per i due stilisti, definitivamente persuasi a creare abiti di alta moda dopo aver vestito

(more…)

Cruciani apre a Taormina e lancia un nuovo braccialetto

cruciani taorminaE’ stato inaugurato ieri a Taormina il primo monomarca Cruciani della Sicilia, dedicato ai braccialetti colorati in pizzo macramè, recentemente divenuti di grande tendenza fra giovani e meno giovani. L’apertura dello store Cruciani C di Taormina è stato celebrato con la presentazione di una limited edition del nuovo braccialetto con il tema “pirata”. Inoltre, l’evento di inaugurazione, per pochi e selezionati ospiti, è stato caratterizzato da un concerto privato di Edoardo Bennato.

Un fenomeno, quello dei braccialetti in macramè, che non si arresta da più di un anno, da quando, nell’estate 2011, nella boutique Cruciani di Forte dei Marmi si registrarono per oltre 60 giorni code interminabili di persone che affollavano il negozio pur di accaparrarsi uno o più colori del braccialetto dell’estate. Da allora, la tendenza contagia in breve tempo tutta Italia, ma anche altri paese europei, America e Giappone. Il debutto ufficiale a Milano avviene in occasione della Vogue Fashion Night Out, anche qui con un’edizione limitata creata in occasione della settimana della moda milanese.

(more…)

Ed Westwick in passerella per Philipp Plein


Ed-westwick in passerella per Philipp Plein
Il “dandy” Chuck Bass di “Gossip Girl” è il nuovo testimonial del brand Philipp Plein e ha calcato a Milano la sua prima passerella.

 

Abbiamo imparato a conoscerlo grazie alla popolare serie televisiva “Gossip Girl”, attualmente trasmessa su Italia 1, dove interpreta il ruolo di Chuck Bass, rampollo dell’alta società di Manhattan. Lui è l’attore inglese Ed Westwick, divenuto in pochissimo tempo l’idolo delle più giovani e particolarmente apprezzato anche per il modo di vestire ricercato e impeccabile, che gli è valso la qualifica di moderno “dandy”. Grazie al suo fascino magnetico, Westwick si è recentemente guadagnato anche un ruolo di primo piano nel mondo della moda, come testimonial del brand Philipp Plein. Dopo aver presentato assieme allo stilista la nuova campagna per la collezione autunno-inverno 2012/2013, scattata da Terry Richardson, l’attore ha anche sfilato per Philipp Plein a Milano. Due gli outfit scelti per lui dalla collezione Primavera/Estate 2013, intitolata “Bulletproof Hero“: nella prima uscita Westwick è apparso con un look formale ed elegante, composto da pantaloni e camicia nera e giacca blu. Per il secondo look, decisamente più casual, pantaloni e camicia bianchi, giacca marrone in pelle traforata. Ed Westwick ha dichiarato di essere molto emozionato, a proposito di questo suo nuovo impegno, e nel giorno della sfilata ha aggiunto: “Non ho mai calcato la passerella prima di oggi, spero di non inciampare, né di cadere”.

 

Lo stilista Philipp Plein, invece, ha commentato la scelta dell’attore inglese come testimonial della sua collezione con parole di grande ammirazione: “Sono orgoglioso di avere Ed Westwick come testimonial della mia nuova campagna. Riconosco in lui non solo un attore di grande talento, ma soprattutto una persona dal fascino così autentico che è veramente piacevole collaborare con lui. (more…)

Britney Spears vestirà abiti realizzati a San Vittore

Britney-Spears vestirà abiti realizzati a San VittoreLa pop star ha scelto di indossare, per X-Factor USA, tre modelli realizzati dalla Cooperativa sociale Alice, presso cui lavorano alcuni detenuti del carcere San Vittore.

 

Probabilmente avrebbe fatto notizia, nel settore, anche solo la scelta di un abito Made in Italy, ma non avrebbe destato alcuno stupore. La vera sorpresa sta nel fatto che la pop star Britney Spears, per la sua partecipazione a X-Factor USA in qualità di giudice, ha deciso di indossare degli abiti confezionati dai detenuti del carcere San Vittore di Milano.

Il cachet per la partecipazione della Spears ad X-Factor sembra si aggiri sui 15 milioni di dollari, cifra che fa discutere, ancor più se paragonata alla decisione, fuor dagli schemi, di un guardaroba non griffato. Rimane comunque singolare il percorso che ha portato la Spears a questa scelta italiana e socialmente responsabile. Andiamo per ordine: gli abiti di Britney saranno firmati da Alessandro Brevi. Non si tratta di un designer di grido, ma del responsabile della Cooperativa sociale Alice di Milano, in cui lavorano alcuni detenuti del carcere di San Vittore. (more…)

Boho style: il look per l’estate

boho styleVestire “Boho” è la nuova tendenza per l’estate: uno stile fresco e semplice, che richiede però un particolare gusto nel mixare i capi e un pizzico di spericolatezza.

 

Recentemente, sfogliando le riviste di moda, si sente molto parlare di “Boho Style”, fusione dei termini bohémien e hippy. Per gli occhi più esperti, poi, guardando le sfilate delle collezioni moda Primavera/Estate 2012, è facile rinvenire continui rimandi a quello stile che, già nel 2000, conquistò molte star. Shiluette a pigiama, stampe, decorazioni, fantasie vivaci, rafia: moltissimi designer di moda hanno largamente attinto a questo intramontabile serbatoio di idee chiamato “Boho” per ricreare, mixando, dei look che ci trasportino subito dentro un’allegra atmosfera estiva. Per fare qualche esempio, nei primi anni del 2000 furono elette ad icone dello stile Boho la modella Kate Moss e l’attrice Sienna Miller (nella foto), accomunate da un gusto un po’ hippy e un po’ gitano nel modo di vestire: tuniche, gilet, stivali da cowboy, ampie e lunghe gonne. Look che rappresentano libertà e comodità, eredità dei viaggiatori del passato e di coloro che amavano passare la maggior parte del tempo all’aria aperta.  (more…)

Le gemelle degli accessori

aliceinspired950Hanno un gusto decisamente retrò e fanno venire alla mente quei piccoli e preziosi oggetti che il passare tempo ha reso ancor più affascinanti e desiderabili. Sono i gioielli creati da due gemelle spagnole, “Les Jumelles”. Il marchio, che nasce nel 2009, offre una scelta di accessori vintage o moderni suddivisi in diverse collezioni, che includono collane e bracciali.

Tutti i gioielli sono creati riciclando pezzi vintage e abbinandoli a parti nuove. Molti dei pendenti utilizzati provengono, ad esempio, da vecchi magazzini, dove sono rimasti conservati nelle loro confezioni originali e mail aperti per più di 40 o 50 anni.

Ogni pezzo racchiude quindi sé un po’ di storia, è un piccolo tesoro che sarebbe andato perduto se nessuno lo avesse scoperto. E’ così possibile scegliere fra (more…)

Adesso le chiamano “Belle Vere”

cover-ok-2613154_0x440Copertine, passerelle e servizi fotografici sono da sempre sotto accusa per qualche motivo. Additati di proporre modelli di donne anoressiche, di mercificare il corpo femminile per vendere questo o quel prodotto, o ancora di suggerire il ricorso alla chirurgia estetica, che ci rende tutte somiglianti a delle Barbie.

La questione più dibattuta, però, rimane quella legata al peso delle modelle e, di riflesso, delle donne. La moda ha sempre avuto il pallino delle misure, da quelle canoniche, 90-60-90, celebrate dai film anni Cinquanta e Sessanta, alla tanto dibattuta taglia 38. Dopo anni di campagne anti-anoressia, di linee di abbigliamento dedicate alla donna cosiddetta normale, di stilisti che difendono l’abito che “cade” in quel certo modo, di modelle che assicurano di mangiare a sazietà, scende nell’arena dell’acceso dibattito anche Vogue, nell’edizione italiana. Il messaggio arriva dalla copertina del mese di giugno, firmata da (more…)

Olivia Palermo e la moda: la borsa di Zara

La qualifica più ricorrente che il web le attribuisce è quella di “socialitè”. Il termine, molto in voga ultimamente, si riferisce alle persone che passano larga parte del proprio tempo a girovagare fra eventi mondani, a fare la comparsa fra party esclusivi e luoghi ben frequentati da gente che conta, fotografi e stampa. Stiamo parlando di Olivia Palermo che, però, facendo la socialitè, ha anche trovato il modo di divenire un’icona di stile. Il suo gusto nell’abbigliarsi non può, in realtà, essere messo in dubbio e sono frequenti gli episodi in cui celebri riviste di moda pubblicano le sue foto, osannandone la classe.

Ad esempio, nel 2010, per tutto il mese di aprile, i look di Olivia venivano mostrati all’interno della versione online di Vogue UK. Una foto al giorno, con dettagliata descrizione dei capi indossati e della loro provenienza: ottima fonte di ispirazione per tutte le fashioniste che la seguono devotamente.

Oggi ci occupiamo di lei per riportare l’ottimo connubio fra brand di marca e low cost che la bella Olivia ha recentemente saputo mettere in campo. Affezionata acquirente anche di marchi come TopShop, H&M o ASOS, nella foto, che la ritrae per le strade di New York, Olivia sceglie una capiente borsa di Zara per completare uno dei suoi look. In pelle di bufalo con rivestimento in cotone, la borsa fa parte della collezione Primavera/Estate 2011 ed è in vendita negli store della catena Zara ad un costo di circa 120 euro. E’ disponibile anche in color nude e in rosso, oltre che nella nuance cuoio scelta dalla Palermo.  Gli atri accessori del look sono degli occhiali da sole firmati Tom Ford, un foulard a pois bianco e nero e degli orecchini con delle perle. Un equilibrio che può dirsi perfetto.

Uomini in gonna: tutti come Marc Jacobs?

Spesso, gli stilisti amano andare al di là delle passerelle con le loro bizzarrie. E testarle sulla propria pelle. A volte il risultato, analizzato con l’elasticità mentale concessa a chi vive in un mondo in perenne mutamento, può anche non dispiacere. Dubito però che, fatta la dovuta eccezione per il kilt scozzese (in poche e giustificate occasioni), si possa accettare di buon grado l’uomo in gonna.

Anche se l’uomo in questione è il talentuoso Marc Jacobs, designer del marchio che porta il suo nome, Marc by Marc Jacobs, e direttore creativo di Louis Vuitton, il dubbio rimane. Qualche giorno fa, Jacobs è stato infatti fotografato per le strade di New York con indosso una mise composta da parka, maglioncino blu, camicia immacolata. Fin qui tutto bene.

A completare il look: gonna, zeppe, calzino corto bianco e arancione fluo. La gonna, modello tubino, e l’originale zeppa sono griffate Prada, peccato che appartengano entrambe alla collezione femminile. Per non farsi mancare nulla, lo stilista ha pensato di abbinare anche una bella borsa Birkin di Hermès. Il risultato lascia piuttosto perplessi e pone ancora una volta l’attenzione su quella sottile linea di confine che separa stravaganza ed eccesso.

Per fare un altro esempio, alle sfilate milanesi l’eccentrica Anna Dello Russo si era presentata con in testa due enormi ciliegie.

Il risultato è più o meno quello ottenuto da Marc Jacobs: se ne parla, non importa in che modo. In realtà, non è affatto la prima volta che Jacobs si mostra in gonna, ha già sfoggiato questo capo in altre occasioni mondane, senza alcun imbarazzo.

Uomini, a ben guardare, la cosa più ovvia da dire è che il vostro fisico ben poco si adatta a questo capo. Se poi siete dotati della stessa straripante personalità di Marc Jacobs, potete anche provarci…

5 idee fashion per la prossima stagione

Cinque spunti per la bella stagione che sta per arrivare:

Chanel Le Vernis Riva

Nuova tonalità, fa parte della linea Chanel Côte d’Azur ed è un’edizione limitata. S’ispira al colore del mare della Costa Azzurra e ne porta con sé charme ed eleganza.

Un corredo… firmato

Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno fatto nuovamente centro: la sfilata Primavera/Estate 2011 è stata un trionfo di bianchi pizzi, merletti, uncinetti, candido lino e sete pregiate, una sapiente ed ispirata creatività che affonda ancora una volta le radici nella Sicilia delle tradizioni, nei vecchi bauli che contenevano un tempo preziosissimi corredi nuziali.

Stampe

Visto e stravisto fra le passerelle 2010, l’animalier permane a tratti anche nel nuovo anno, con qualche rivisitazione nelle tinte, che si fanno più accese. Louis Vuitton, ad esempio, propone per la stagione calda una donna che gioca a mischiare aggressività e femminilità e lo fa con stampe animalier che riesce ad interpretare con originalità.

Oriente

Preparatevi a partire nel 2011: gli stilisti hanno attinto a piene mani dall’oriente, nei colori e nelle forme. Che si tratti di un accessorio, di un paio di scarpe, di un kimono rivisitato, ciò che conta è entrare in un’atmosfera che sa di Giappone, anche se con cromie spesso insolite.

(more…)

come dal passato…

Ho voluto condividere anche sul mio blog questa foto, che trovo bellissima, pubblicata questa mattina da The Sartorialist. E’ stata la perfezione dell’accostamento dei colori ad attirarmi in prima battuta, mentre la scelta degli accessori mi ha fatto subito venire in mente una dimensione temporale diversa. Trovo che la moda, soprattutto quella “catturata” per strada da un sapiente obiettivo, abbia a volte anche la straordinaria capacità di ispirare una storia. A voi non piacerebbe inventare un racconto, magari un po’ surreale, partendo da questo scatto?

Foto: The Sartorialist

Settimana della Moda: il centro di Milano si prepara alle sfilate

Mancano ormai pochissimi giorni all’inizio di una nuova settimana della moda milanese, al via il prossimo 23 di febbraio. In una città in cui l’aria modaiola la si respira praticamente tutto l’anno (insieme ad un buon quantitativo di smog), le sfilate aggiungono quel tocco di frenesia ed atmosfera che caratterizzano i grandi eventi. Il centro di Milano – questa volta è inclusa addirittura Piazza Duomo – si conferma come la sede intorno alla quale ruoteranno tutti i principali avvenimenti della settimana.

A fianco del Museo del Novecento sarà allestita la “Sala Duomo”, una tensostruttura trasparente che ospiterà i grandi nomi della moda italiana, aggiungendosi al Palazzo Giureconsulti di via dei Mercanti, dove si colloca il Fashion HUB – quartier generale di Milano Moda Donna – le sale di Palazzo Clerici e lo spazio all’interno del Circolo Filologico. Si tratta di luoghi tutti a pochi passi di distanza uno dall’altro e collegati da un nastro rosso steso sulla pavimentazione a creare un “sentiero”.

Due grandi videowall saranno inoltre posizionati in via Mercanti, di fronte al Palazzo Giureconsulti, per tutti quei marchi che sceglieranno di trasmettere la loro sfilata anche in streaming. I filmati saranno visibili anche sul sito ufficiale della Camera Nazionale della Moda Italiana, collegandosi agli indirizzi www.camermoda.it oppure http://live.cameramoda.it.

Le sfilate previste in calendario sono (more…)

La “Goodie Bag” di Coccinelle a sostegno delle donne di Haiti

Sono sempre più numerosi i brand che scelgono di sposare delle iniziative benefiche e di promuovere, attraverso i propri prodotti, attività dedicate a chi ha bisogno.  Coccinelle, marchio produttore di borse ed accessori dal 1978, ha creato nel 2007 la “Goodie bag”, una borsa etica a favore della Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus (www.nphitalia.org), contribuendo alla costruzione, ad Haiti, della “Casa dei Piccoli Angeli”, primo centro di riabilitazione per bimbi disabili, e di “Francisville – la città dei mestieri”, nata per dare una prospettiva di futuro lavorativo ai ragazzi dell’isola.

Per la collezione Primavera/Estate 2011 la nuova Goodie Bag – disponibile nei negozi da febbraio – ha scelto di sostenere il progetto “Maternità sicura”, sempre ad Haiti. Parte del ricavato delle vendite sarà infatti devoluto per offrire assistenza alle donne in età fertile, riducendo sia il tasso haitiano di mortalità materna e neonatale, tra i più alti al mondo, sia quello di trasmissione dalla mamma al feto del virus HIV e di altre patologie.

Il programma opera in due centri materno-infantili nelle baraccopoli di Haiti e presso l’Ospedale Pediatrico Saint Damien, nel cui nuovo reparto di maternità e neonatologia nascono in sicurezza 15 bambini al giorno.

E’ inoltre prevista la

(more…)