Pitti Uomo: l’orto diventa di moda

pitti uomo_l'orto diventa di modaI visitatori dell’82esima edizione di Pitti Uomo, che si terrà a Firenze dal 19 al 22 giugno, saranno accolti al loro ingresso da un orto molto speciale.

 

Natura, biologico, genuinità: tutti termini che ultimamente vanno di gran moda. E cosa accade se la moda, intesa questa volta come sistema e come macchina organizzativa, decide di inserirsi all’interno di questo trend salutista? Accade che un grande evento come Pitti Uomo sceglie di accogliere i suoi visitatori con un orto.

Pensandoci bene, un po’ di tempo fa, era stata la first lady americana Michelle Obama a lanciare la moda dell’orto in giardino. Ne era seguita la corsa, piuttosto diffusa in città, a piantare ortaggi e verdure sul balcone di casa, accompagnata da libri con la guida passo passo e set di attrezzi in miniatura. L’orto di cui parliamo qui non ha le dimensioni di un terrazzo ed è organizzato per collegarsi, in modo creativo, all’evento Pitti che introduce. 

Il tema-guida dei saloni estivi dell’82esima edizione di Pitti Uomo, che si terrà a Firenze dal 19 al 22 giugno è, infatti, WonderFood Pitti. Presso la Fortezza da Basso, luogo scelto per l’evento, i visitatori saranno accolti da una divertente orto-istallazione, popolata da spaventapasseri ben abbigliati, a sottolineare la connessione fra la cultura della moda e quella culinaria. Il progetto, curato dall’architetto Oliviero Baldini, prevede l’allestimento di veri e propri orti (con frutta e verdure di stagione), vigilati da trentacinque spaventapasseri-manichini vestiti con abiti appositamente creati da altrettanti designer/brand internazionali, scelti tra le aziende che partecipano a Pitti Uomo. Tra i marchi coinvolti nel progetto: 10A – Suspender Trousers Company, Barena, Dockers, Edwin, Eleonoraniccolai, Engineered Garments, Es’Givien, Filson Black Label, Gitman Bros. Est 1978, Gray, Kreisicouture, L’Eskimo Franco Verzì, Luca Larenza, Lvchino, Maharishi, Marchand Drapier, Mark Mcnairy New Amsterdam, Mason’s, Monitaly, Needles, Orciani, Orlebar Brown, Pero by Aneeth Arora, Pierre Louis Mascia, President’s, Rajesh Pratap Singh, Stewart, Superduper Hats, Swiss-Chriss, Szen, The Editor, TS(S), Vetra, Volta Footwear, Want Les Essentiels De La Vie. Il tema verrà inoltre ripresentato in Dogana, a Pitti W – salone dedicato alle pre-collezioni donna – dove saranno riproposte alcune installazioni e gli spaventapasseri-manichini.

Un modo originale per creare un ponte fra due culture e per giocare con temi e concetti di grande appeal per il pubblico.